Menu

News da Delta Informatica

Innovazione, reti e “invisibili connessioni”

Trentino Industriale, la rivista di Confindustria Trento, ha dedicato nell’ultimo numero un articolo agli eventi di “Invisibili connessioni” che riportiamo qui sotto:

Innovazione, reti e “invisibili connessioni”

Delta Informatica compirà 40 anni il prossimo 18 marzo 2020. Ma il percorso di avvicinamento è già
iniziato con un ciclo di appuntamenti per riflettere sul presente e sul futuro dell’Ict.

“Mi verrebbe da dire, con un tono lirico, nessun dorma. Come Delta Informatica ci stiamo interrogando su quale sia il modo migliore per trovare delle risposte a tutela dello sviluppo futuro della nostra azienda e, più in generale, per quanto riguarda il settore dell’Ict. La velocità con cui avvengono i cambiamenti in ambito
tecnologico e nel mondo dell’intelligenza artificiale sta sconvolgendo il nostro modo di vivere sociale, culturale, economico e domestico. Come interrogarsi su questi cambiamenti? Come trovare le risposte giuste, mentre qualcuno, in altre parti del mondo, sta già rispondendo alle domande che iniziamo a porci? Siamo arrivati alla conclusione che per riflettere su questi temi sia necessario confrontarsi e incontrarsi con realtà simili alla nostra e anche con le istituzioni, con i giovani, con la comunità e con la società”. Pompeo Viganò, socio fondatore di Delta Informatica e attuale Presidente, esprime così il senso del 40esimo compleanno della società.

Delta Informatica, leader nell’Ict, nasceva in Trentino nel 1980 per volontà di 5 soci appena laureati: Diego Schelfi, Antonio Conta, Roberto Postal, Fulvio Rigotti e Pompeo Viganò. “Dopo tanti anni – sottolinea Viganò – siamo ancora insieme all’interno di un gruppo di governance”. Cosa non facile e per nulla scontata, di questi tempi. Una riflessione ponderata e misurata, quella che la società intende fare in occasione dell’anniversario. Una riflessione che parte da lontano. Delta Informatica, infatti, compirà 40 anni il prossimo 18 marzo del 2020. Ma il percorso di avvicinamento è già iniziato con un ciclo di appuntamenti per riflettere sul presente e sul futuro dell’Ict. Un modo di celebrare i 40 anni con senso del rigore e consapevolezza, con grande responsabilità, soprattutto, verso una riflessione dal respiro profondamente culturale, non soltanto economico, sul significato di impresa in una fase globale di grandi cambiamenti.
Il ciclo di appuntamenti pensato da Delta Informatica si chiama “Invisibili connessioni”: una serie di incontri a cui sono chiamati a partecipare personalità dal profilo internazionale di altissimo rilievo, professionisti autorevoli nel settore della ricerca, della comunicazione, dell’economia e dell’innovazione sociale.

Il primo incontro si è già svolto a Trento lo scorso 9 maggio. Erano presenti, assieme a Viganò, Francesco Profumo, già Ministro dell’Istruzione e attualmente presidente della Fondazione Bruno Kessler, Franco Bernabè, in passato alla guida di Eni e Telecom Italia, e Francesca Pasinelli, direttore generale della Fondazione Telethon. L’incontro si è svolto di fronte a un pubblico rappresentato dalle istituzioni e da vari settori della società oltre che dagli industriali del Trentino. Francesco Profumo si è soffermato sull’importanza della “complementarietà di competenze” in una società che diventa sempre più complessa, sottolineando la necessità di uno sguardo responsabile nel campo dell’intelligenza artificiale, dove spesso le “riflessioni travalicano l’ambito strettamente tecnologico”. Franco Bernabè ha ribadito l’importanza di non considerare l’intelligenza artificiale come “il superamento dell’intelligenza umana”. Al contrario, il dominio di quest’ultima non può essere mai messo in discussione. Francesca Pasinelli si è soffermata sul significato etico delle decisioni e delle scelte, quando la “persona viene messa al centro di un ecosistema di innovazione e digitalizzazione”.

L’asticella della riflessione è stata dunque posta – e così sarà anche nei prossimi incontri verso il 40esimo – a un livello intrinsecamente culturale.
“Oggi la tecnologia – spiega il presidente Viganò – è più avanti rispetto all’utilizzo che normalmente ne facciamo. Per saperla sfruttare, stando al passo con la sua velocità, occorre un salto culturale. Occorre un patto di fiducia con le tecnologie e con gli strumenti del comparto Ict. Un giusto adeguamento culturale è indispensabile per avere buone tecnologie e buone innovazioni. Espressioni come ‘invisibili connessioni’ e ‘geometrie sconosciute’ sono termini che non usiamo nella nostra vita quotidiana. Ma io penso che a ognuno di noi sia capitato di fermarsi un attimo e guardare l’orizzonte, per cercare l’intuizione giusta. Per farlo, dobbiamo lavorare in rete. Il Trentino ha fin qui saputo dimostrare grandi eccellenze nel campo dell’innovazione e dell’industria nel mercato dell’Ict, ma dobbiamo riuscire a collaborare meglio sia all’interno sia all’esterno, consapevoli che cooperare è uno stile e che la competitività economica migliora in modo esponenziale grazie all’ingegno, alla competenza e alla creatività ma anche e soprattutto grazie alla capacità di perseguire modelli di reti sociali”.

Tra le invisibili connessioni, infine, Viganò ha posto l’accento sull’incoscienza, quello che ci differenzia dall’intelligenza artificiale. “L’incoscienza – conclude – attiene alla sfera del personale, alla propria capacità e alla propria propensione al rischio. Ecco, un pizzico di incoscienza è alla base di ogni impresa, qualunque essa sia. E sono sicuro che nessuna intelligenza artificiale potrà sostituirla”. (adb)

 

 

 

Ti informiamo che nel nostro sito web sono attivi i cookie. Continuando a navigare sul nostro sito, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni su come usiamo i cookie e su come gestiamo le tue preferenze di navigazione, vai alla sezione. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi